M'ARID AL KITAB - esposizione del libro sulla cultura araba e sulla religione Islamica

9/10 Giugno 2012 - San Paolo d'Argon (BG)


PER INFORMAZIONI SCARICA QUI IL VOLANTINO



domenica 3 maggio 2009

gli attentatori suicidi nel nome del Jihad sono seguaci di Satana


بسم الله الرحمن الرحيم

JEDDAH – Il Sheikh Dr. Saleh Bin Fowzan Al-Fowzan, membro del consiglio di amministrazione degli Ulema Senior e del Comitato Permanente per la Ricerca Islamica e i Verdetti (Ifta), ha descritto coloro che affermano di essere impegnati nel jihad per amore di Allah attraverso l'uccisione di se stessi, come "commettenti suicidio" e "Mujahidin per amore di Satana."

Al-Fowzan ha detto: "Coloro che sono caduti in questa Fitnah (prova o tentazione) non hanno domandato agli studiosi religiosi (Ulema) nè hanno acquisito la conoscenza religiosa da essi. Invece si sono isolati dagli altri Musulmani e sono tornati alle persone considerate tiranni umani che hanno fatto loro il lavaggio del cervello; quindi essi sono deviati dal retto sentiero seguito dalla maggioranza.
Essi considerano gli altri Musulmani essere infedeli, in ciò che è conosciuto come "Takfir". Li uccidono, fanno esplodere edifici e altre strutture. Uccidono i giovani e gli anziani, i maschi e le femmine, il Muslim e Al-Mu'ahid, Al-Dhimmi e Al-Musta'man, a causa di questo credo deviato. Queste sono le conseguenze per chiunque propende verso i malfattori."

Al-Fowzan ha citato il Profeta (pace su di lui) sui disordini e sulle prove (Fitan) delle ultime epoche. "Il Profeta (pace su di lui) ha detto che ci sarebbero stati chiamanti alle porte del Fuoco dell'Inferno e che chiunque avesse obbedito loro sarebbe stato gettato nel Fuoco dell'Inferno."

Sheikh Al-Fowzan ha detto che questa era la realtà adesso. "Tutti gioiscono per la loro sfortuna e li odiano per le loro azioni, anche i non-Musulmani, per non parlare dei Musulmani." Sheikh Al-Fowzan ha continuato "Nessuno è soddisfatto delle loro azioni, tranne quelli che sono come loro. Questa è una grande prova (Fitnah) e un Musulmano dovrebbe essere messo in guardia e meditarvi. Egli non dovrebbe essere frettoloso e dovrebbe chiedere agli studiosi religiosi e pregare Allah per la guida."

"Egli non dovrebbe fidarsi delle persone senza conoscere le loro reali intenzioni ed essere sicuro che siano oneste, anche se possono sembrare essere oneste, rette e mostrare entusiasmo e interesse verso l'Islam. D'altra parte chiunque sembra che stia seguendo il retto sentiero e che stia compiendo buone azioni ma è una persona sconosciuta, noi non dobbiamo nè essere frettolosi nel nostro giudizio verso di lui, nè dovremmo fidarci di lui a meno che non conosciamo la verità a suo riguardo e conosciamo la sua vera condotta e il suo passato."

"Senza precauzione e senza consultazione del sapiente, i gruppi deviati sono caduti nell'abisso a causa dei giudizi frettolosi sulla gente, dell'ignoranza, del mescolarsi con persone malvagie, fidandosi di loro e allontanandosi dai Musulmani e dai loro Ulema. Essi hanno abbandonato le scuole e sono rimasti lontani dagli Ulema e dalle loro famiglie e dalle loro case. Il giovane Musulmano dovrebbe imparare le lezioni da ciò che è accaduto a queste persone."

"Il vittorioso è colui che impara una lezione dai misfatti degli altri. Noi dobbiamo imparare le lezioni da questi eventi, senza mai andare oltre i limiti, rispettare il consenso dei Musulmani e obbedire al governante." – Okaz/SG

da Saudi Gazette (fonte originale)

[Shaykh Al-Fawzan - da SalafiTalk.net (e da AlBaseerah.com)]

1 commento:

Ukht1 ha detto...

assalamu alaykum,

si dice di fare "jihad" ma poi dimenticano che, anche in quel caso, ci sono delle regole ben serie da seguire... c'è poi anche chi "rompe" e fa "esplodere" tutto e dice si tratti di "jihad"... naudhubillah!

jazakiAllahu khayran, non potevo mancare per un articolo di Al-Fawzaan ;)