M'ARID AL KITAB - esposizione del libro sulla cultura araba e sulla religione Islamica

9/10 Giugno 2012 - San Paolo d'Argon (BG)


PER INFORMAZIONI SCARICA QUI IL VOLANTINO



lunedì 12 gennaio 2009

il più grande Jihad


بسم الله الرحمن الرحيم

JIHAD CONTRO L'INNOVATORE

Imam 'Abdur-Rahman Ibn Nasir as-Sa'di (d.1376H) (rahimahuLlah) ha detto: "Il Jihad è di due tipi: un jihad attraverso il quale si intende la correzione dei Musulmani, e la loro correttezza nei loro credo e nelle loro maniere e tutti i loro affari religiosi e terreni, e nella loro conoscenza e nell'azione relativa all'istruzione. E questo tipo è la base del jihad e il suo fondamento, e costruito su di esso vi è il secondo tipo di jihad. Questo è il jihad attraverso il quale si intende la difesa contro i trasgressori dell'Islam, come ad esempio i miscredenti e gli ipocriti, gli atei e tutti i nemici della Religione e i loro sostenitori." [1]

Ibn Yahya Nasr ha detto: Ho sentito Muhammad Ibn Yahya Adh-Dhuhali (d.258H) (rahimahuLlah) dire: Ho sentito Yahya Ibn Yahya dire: "Difendere la Sunnah è più virtuoso che il jihad sul sentiero di Allah." Muhammad ha detto: Dissi a Yahya: "Un uomo dà la sua ricchezza, carica se stesso e combatte, e quello è più virtuoso che questo?" Allora egli disse: "Sì, molto meglio!" [2]

Sulla base della narrazione sopra, Shaykh Abu Anas Ibrahim Hamad Ibn al-'Uthman ha detto: "Ed è su questo che i nostri Imam hanno agito, quindi essi hanno dichiarato che il jihad contro l'innovatore era il fondamento, e che il jihad contro i miscredenti è un ramo di tale fondamento." [3]

JIHAD CONTRO SE STESSI

Imam Ibnul-Qayyim al-Jawziyyah (d.756H) (rahimahuLlah) ha detto: "Quindi il jihad contro i nemici esterni di Allah, è un ramo del jihad del servo nei confronti di se stesso nei riguardi di Allah, come il Profeta (sallAllahu 'alayhi wa sallam) ha detto: "Il mujahid è colui che compie il jihad contro la propria anima in obbedienza ad Allah. E il muhajir è colui che lascia ciò che Allah ha proibito." [4] Il jihad contro se stessi prevale sul jihad contro il nemico esterno ed è la sua base. Quindi colui che non compie il jihad contro la propria anima per prima, attraverso la realizzazione di quello che è stato comandato e lasciando fuori quello che è stato vietato, e sforzandosi duramente in quello per Amore di Allah, non è possibile per lui compiere il jihad verso il nemico esterno. Poichè, come può egli compiere il jihad contro il nemico esterno ed essere solo con lui, mentre il nemico che è dentro di lui lo ha sopraffatto e ha acquisito padronanza su di lui; ma egli non compie il jihad contro questo nemico nè lotta contro di esso per Amore di Allah?! Piuttosto non è possibile per lui uscire contro il nemico esterno, fino a che egli abbia eseguito il jihad verso la sua stessa anima. Perciò il servo viene messo alla prova dal jihad contro questi due nemici, ma tra loro vi è un terzo nemico. Non è possibile eseguire il jihad contro i primi due, tranne attraverso il jihad contro questo; è quello che si trova tra i due nemici precedentemente menzionati e il servo, che gli impedisce di compiere il jihad contro i primi due e lo abbandona e lo tiene lontano dal jihad. Egli non smette di fargli pensare che il suo jihad contro i primi due nemici significa lasciare ricchezze, piaceri, desideri. Quindi non è possibile per lui compiere il jihad contro i primi due nemici, tranne eseguendo il jihad contro questo. Quindi il jihad contro questo è la base del jihad contro gli altri due ed esso è Shaytan. Allah l'Eccelso dice:

"In verità Shaytan è per voi un nemico dichiarato, perciò prendete lui come un nemico dichiarato." [Al-A'raf, 22]

Quindi il comando di prendere lui come nemico è un avvertimento contro la mancanza di capacità nel guerreggiare e nel compiere jihad contro di lui, come se egli fosse un nemico che non rallenta mai, nè fallisce nella sua guerra contro il servo." [5]

JIHAD CON CONOSCENZA

Imam Ibnul-Qayyim al-Jawziyyah (rahimahuLlah) ha detto: "Perciò i pilastri della religione sono: la conoscenza ('ilm) e il jihad, e per questo il jihad è di due tipi: il jihad con la mano e con la lancia, e vi è molta partecipazione in questo. In secondo luogo, vi è il jihad con la prova e il chiarimento. Questo ultimo jihad è quello specificatamente seguito dai Messaggeri ed è il jihad degli Imam, ed è il più eccellente dei due jihad a causa del suo enorme beneficio ed il suo grande peso e i numerosi nemici. Allah l'Eccelso ha detto in suratul Furqan, ed essa è una sura maliki:

"E se avessimo voluto, avremmo potuto inviare un ammonitore per ogni città. Quindi, non obbedite ai miscredenti e lottate un grande jihad contro di loro con esso (il Qur'an)." [Al-Furqan, 51-52]

Quindi questo jihad contro di loro con il Qur'an è il maggiore dei due jihad, ed è inoltre un jihad contro gli ipocriti. Questo poichè gli ipocriti non combattono i Musulmani, piuttosto sono con loro esternamente ma quando combattono si oppongono a loro. Quindi, per questo, Allah l'Eccelso ha detto:

"O Profeta! Compi il jihad contro i miscredenti e gli ipocriti e sii duro con loro." [At-Tawba, 73]

Ed è noto che il jihad contro gli ipocriti deve essere effettuato con la costituzione di prova e con il Qur'an." [6]

Ibn 'Abdul-Barr recitò la seguente poesia: "E l'inchiostro che viene dalle loro penne; è più puro e più virtuoso del sangue dei martiri. O studenti della conoscenza del Profeta Muhammad; voi non siete senza eccellenza." [7]


[1] Wujubut-Ta'awun baynal-Muslimin (p. 7-8)
[2] Siyar A'lamun-Nubala' (10/518)
[3] Zajarul-Mutahawun (p. 105)
[4] Sahih: riportato da Ahmad (3/21), autenticato da Shaykh Al-Albani in Sahihut-Targhib (2/150)
[5] Zadul-Ma'ad (3/6)
[6] Miftah Darus-Sa'adah (1/70)
[7] Jami' Bayanil-'Ilm (1/31)

preparato da troid.org

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Salamun aleykum wa rahmatullahi wa barakatuhu sorella.

Jazakillahu khayran per la traduzione, mashaAllah!

Yahya Ibn Yahya è stato tra i shuyukh degli imam del hadith Bukhari e Muslim. Pensa un po' che studenti nascono da tali professori, mashaAllah!

Ismail

Mujahida ha detto...

بسم الله الرحمن الرحيم

Wa aleikum salam wa rahmatuLlahi wa barakatuhu fratello.

Mashaa Allah, hai ragione....ed è una vera baraka aver avuto tali Studiosi, al hamduLillahi!

Jazak'Allahu khairan.