M'ARID AL KITAB - esposizione del libro sulla cultura araba e sulla religione Islamica

9/10 Giugno 2012 - San Paolo d'Argon (BG)


PER INFORMAZIONI SCARICA QUI IL VOLANTINO



mercoledì 5 novembre 2008

amicizia verso i Credenti, non verso Ahlul-Kitab o Kuffar

بسم الله الرحمن الرحيم

Tutta la lode appartiene ad Allah e possa Egli ricordare ai Suoi Angeli il Messaggero Muhammad, la sua famiglia, i compagni e coloro che seguono la loro guida; e possa Egli concedere loro la pace.

Dovete sapere che dopo l'amore per Allah e il Suo Messaggero (sallAllahu 'alayhi wa sallam), Allah ci obbliga ad amare coloro che amano Allah e il Suo Messaggero (sallAllahu 'alayhi wa sallam) e ad odiare coloro che si oppongono ad Allah e al Suo Messaggero (sallAllahu 'alayhi wa sallam).
Il Sistema del Credo Islamico ('Aqidah) obbliga ogni Musulmano ad amare la gente del Tawhid e a detestare la gente dello Shirk.
Tale obbligo deriva dal Credo di Ibrahim ('alayhi salam), il Credo che siamo stati ordinati di seguire.

Infatti Allah l'Elevato, il Glorificato ha detto:

"C'è per voi un esempio eccellente da seguire in Abramo e in quelli insieme a lui, quando dissero alla loro gente: noi ci teniamo a distanza da voi e da ciò che adorate oltre Allah. Vi abbiamo rinnegati. E tra noi e voi vi è inimicizia e odio eterno, fino a che crediate in Allah, in Lui soltanto." [Al-Mumtahanah, 4]

Inoltre, questo obbligo è dalla religione (Din) di Muhammad (sallAllahu 'alayhi wa sallam).

Allah l'Elevato ha detto:

"O voi che credete! Non prendete gli Ebrei (Yahud) e i Cristiani (Nasara) per amici (Awliyya). Essi sono Awliyya gli uni con gli altri. E colui in mezzo a voi che si volge a loro, è uno di loro. Invero Allah non guida un popolo ingiusto." [Al-Ma'ida, 51]

Questo versetto proibisce ai Musulmani di prendere qualcuno della Gente del Libro (Ahlul-Kitab), in particolare, e qualsiasi tra i Miscredenti (Kuffar) in generale, come amico (Mawlat). La prova è il versetto:

"O voi che credete! Non prendete i Miei nemici e i vostri nemici come Awliyya." [Al-Mumtahanah, 1]

Inoltre, Allah proibisce al credente di sostenere i Kuffar, anche nel caso i Kuffar siano parenti di sangue.

Allah l'Elevato ha detto:

"O voi che credete! Non prendete i vostri padri e i vostri fratelli come Awliyaa, se essi amano la miscredenza (Kufr) invece della fede (Iman). Se qualcuno di voi lo fa, essi sono ingiusti." [At-Tawbah, 23]

Allah l'Elevato ha detto:

"Non troverai un popolo che creda in Allah e nell'Ultimo Giorno, che ami coloro che si oppongono ad Allah e al Suo Messaggero, anche se fossero i loro padri, figli, fratelli, parenti..." [Al-Mujadilah, 22]

Fino a che ascoltiamo alcune persone che affermano di conoscere il messaggio Islamico (Daw'ah) su una delle stazioni radio Arabe, dicendo "...i Nasara sono nostri fratelli" non ci rendiamo conto di quanto ignoranti siano molte persone sul principio (di Al-Wala' wal-Bara'). Essi (la gente della stazione radio) non capiscono quanto pericolose siano le loro parole!

Allah il Glorificato proibisce ai Musulmani di sostenere i Kuffar e i nemici del 'Aqidah. Il Glorificato ci ordina di sostenere e di amare i Credenti.

Allah l'Elevato ha detto:

"I vostri veri amici sono Allah, il Suo Messaggero e i Credenti, coloro che stabiliscono la Salat e la Zakat e si sottomettono ad Allah. E coloro che si rivolgono ad Allah, al Suo Messaggero e ai Credenti (per amicizia), è il partito di Allah che trionferà." [Al-Ma'ida, 55-56]

Allah l'Elevato ha detto:

"Muhammad è il Messaggero di Allah e coloro che sono con lui, sono saldi contro i Kuffar e misericordiosi gli uni con gli altri..." [Al-Fath, 29]

Allah l'Elevato ha detto:

"I Credenti sono un'unica fratellanza..." [Al-Hujurat, 10]

I Credenti sono fratelli nel Din e nel 'Aqidah, anche se non sono parenti o dallo stesso paese o dalla stessa generazione.

Allah l'Elevato ha detto:

"E quelli che vennero dopo di loro, dicono: Nostro Signore! Perdona noi e i nostri fratelli che vennero prima di noi nella fede e non lasciare nei nostri cuori cattivi sentimenti verso coloro che hanno creduto. Nostro Signore! Invero sei Colui che è pieno di bontà, Colui che tratta gentilmente chiunque sia con la Tua natura." [Al-Hashr, 10]

Quindi i Credenti, dalla prima generazione di uomini all'ultima, sono fratelli. L'ultimo segue il primo ed essi chiedono il perdono di Allah gli uni per gli altri.


[Shaykh Al-Fawzan - Al-Walaa' wal-Baraa', capitolo aprente, pag.6-9]

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Assalamu aleikum ua rahmatullahi ua barakatuhu!

Molto interessante la traduzione mashaAllah! Che Allah ti ricompensi!
Rilegandomi al testo, la maggior parte dei muslimin oggigiorno confondono la rispettosa e reciproca collaborazione negli affari terreni con l'amicizia verso coloro che assocciano altri ad Allah tabaraka ua ta'ala. E purtroppo tutto ciò proviene dall'ignoranza di chi predica e di chi è pigro nell'imparare la religione ( aggiungendoci una bella dose di "necessità materiale"...)
Che Allah subhanahu ua ta'ala ci guidi verso quello che è meglio per noi in questo mondo e nell'aldilà! Amin.

Un abbraccio sorella e vai così che il tuo blog è fortissimo mashaAllah ^_^!

Q&S

Mujahida ha detto...

بسم الله الرحمن الرحيم

Wa aleikum salam wa rahmatuLlahi wa barakatuhu ukhti!

Quoto totalmente ciò che hai scritto, è il mio pensiero ed è supportato da chiare evidenze.
Insha Allah Ta'ala prego di tradurre altre pagine da questo libro che spiega chiaramente il concetto di amicizia tra i Muslimin e verso i Kuffar.

Purtroppo spesso, come gisutamente dici, le priorità del Musulmano si rifanno a questa dunya...ma uno sguardo attento dovremmo sempre rivolgerlo a quella che sarà l'akhira, insha Allah.

E che Allah Ta'ala possa guidarci senza farci mai smarrire la Sua Via. Amin.

Barak'Allahu fiki per il tuo intervento!!!

Usama Abul Asad ha detto...

بسم الله الرحمن الرحيم

Assalamu alaikom wa rahmatullahi wa barakatuhu

Quoto pienamente ciò che avete detto ma aggiungerei anche una cosa:

nel comportamento del musulmano di oggi c'è una dose di shirk minore...non conoscono Dio secondo le sue sifat...perciò non si riesce a "temere Allah così come è doveroso temerLo"
Purtroppo la mente del giovane occidentalizzato (presenti anche in paesi islamici) è stata manipolata dalle false promesse della libertà e della democrazia...tanto che ormai si dice che in verità la democrazia è l'islam. Così i nemici dell'Islam hanno raggiunto un obiettivo.

Un sociologo giapponese, pro-globalizzazione, disse in un suo libro che la globalizzazione si era si fatta avanti nei paesi islamici, ma che a causa della resistenza degli integralisti questo processo non potrà andare avanti.
Perciò l'islam è l'unica "ideologia/religione" (per i dettami sociologici) che ancora contrasta il capitalismo aka democrazia aka globalizzazione.

E noi dobbiamo solo resistere e pazientare

MUJAHIDA ha detto...

Wa aleikum salam wa rahmatullahi wa barakatuhu.

Mashaa Allah, grazie del tuo contributo. E dobbiamo davvero resistere e pazientare, in sha Allah!